Italian

Imposta Comunale sulla Pubblicità e Diritto sulle Pubbliche Affissioni

L’Imposta comunale sulla pubblicità è un tributo che grava sulla diffusione di messaggi pubblicitari ai sensi del D.Lgs. n. 507/1993.

Sono considerati messaggi pubblicitari tutti i messaggi diffusi mediante insegne, tassabili ai sensi dell’art. 10 comma 1, lett. C della legge 28/12/2001, n. 448, cartelli, targhe, stendardi o qualsiasi altro mezzo diverso da quello assoggettato al diritto sulle pubbliche affissioni.

La tassazione avviene qualora i messaggi siano esposti in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che da tali luoghi siano percepibili.

L’Imposta comunale sulla pubblicità deve essere versata in via principale da colui (soggetto passivo) che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario viene diffuso. E’ solidamente obbligato al pagamento dell’imposta colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità.

Il calcolo dell’imposta si determina in base alla superficie della minima figura piana geometrica in cui e’ circoscritto il mezzo pubblicitario indipendentemente dal numero dei messaggi in esso contenuti.

Per i mezzi pubblicitari aventi dimensioni volumetriche l’imposta e’ calcolata in base alla superficie complessiva risultante dallo sviluppo del minimo solido geometrico.

Il soggetto passivo e’ tenuto, prima di iniziare la pubblicità, a presentare apposita dichiarazione, nella quale devono essere indicate le caratteristiche, la durata della pubblicità e l’ubicazione dei mezzi pubblicitari utilizzati.

La dichiarazione della pubblicità annuale ha effetto anche per gli anni successivi, purché non si verifichino modificazioni degli elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta; tale pubblicità si intende prorogata con il pagamento della relativa imposta effettuato entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento sempre che non venga presentata denuncia di cessazione entro il medesimo termine.

Qualora venga omessa la presentazione della dichiarazione si presume effettuata in ogni caso con decorrenza dal 1’ gennaio.

Il servizio delle Pubbliche Affissioni è inteso a garantire specificatamente l’affissione in appositi impianti a ciò destinati di manifesti contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali, ecc.

Per il periodo 2019 – 2021 il servizio di riscossione dell’imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni resta in capo al Comune di Colloredo di Monte Albano che per le stesse si avvale del supporto della ditta ABACO S.p.A.

Per la timbratura delle locandine e il ritiro dei manifesti i recapiti sono i seguenti:

 

ESACART DI TODONE MARZIA

Via Ciro di Pers 27/31 – 33030 MAJANO  

Tel. 0432/958996

e-mail: info.esacart@libero.it

 

 

Si ricorda che, al fine di consentire il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria per l’anno 2019 e permettere l’emissione e l’invio degli avvisi di pagamento, l’Amministrazione Comunale ha prorogato la scadenza dei termini per il versamento dell’imposta sulla pubblicità permanente al 30.04.2019.

 

Per tutte le informazioni necessarie rivolgersi a:

 

ABACO S.p.A. Ufficio di San Donà

Via Jesolo 28 – 30027 SAN DONA’ DI PIAVE (VE)

Tel. 0421/560500

e-mail: sandona.tributiminori@abacospa.it