Italian

AMBIENTE

Autorizzazioni scarico acque reflue che recapitano in fognatura

La gestione delle pratiche  di scarico di acque reflue che recapitano in fognatura è stata affidata in convenzione al CAFC SpA di Udine che svolge attività di istruttoria, controllo ed emissione delle autorizzazioni allo scarico, ai sensi del D. Lgs.3 giugno 2006, n. 152, concernente gli scarichi di:

  • acque reflue domestiche che recapitano in rete fognaria comunale,
  • acque reflue industriali che recapitano in rete fognaria comunale,
  • acque reflue assimilabili alle domestiche che recapitano in rete fognaria comunale.

Autorizzazioni scarico acque reflue che non recapitano in pubblica fognatura

Il Comune svolge attività di istruttoria, controllo ed emissione delle autorizzazioni allo scarico delle acque reflue che non recapitano in pubblica fognatura, ai sensi del D. Lgs.3 giugno 2006, n. 152 previo parere del CAFC S.p.A. o altro soggetto di consulenza preposto o competente in materia ambientale.

Utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento
Per la comunicazione ai sensi dell’art. 6 della L.R. 18 gennaio 2006 n. 2, in applicazione dell’art. 112 del D. Lgs. n. 152/2006, le pratiche sono trattate dalla  Comunità Collinare del Friuli (www.friulicollinare.it).
La presentazione delle comunicazioni dovrà comunque avvenire attraverso gli uffici comunali.

Risorse agricole, naturali, forestali e montagna
Il Comune svolge attività di istruttoria, controllo ed emissione

 

  • certificazioni per il conseguimento di agevolazioni fiscali a favore della piccola proprietà contadina, ai sensi dell’articolo 3 della legge 6 agosto 1954, n. 604 (Modificazioni alle norme relative alle agevolazioni tributarie a favore della piccola proprietà contadina).

inoltre effettua la

  • vidimazione dei registri carico-scarico di paste alimentari, ai sensi dell’articolo 5 del decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali 26 aprile 2002 (Disposizioni applicative art. 12, commi 2, 3 e 4 del decreto del Presidente della Repubblica 9 febbraio 2001, n. 187, concernente la revisione della normativa sulla produzione e commercializzazione di sfarinati e paste alimentari);
  • vidimazione dei registri dei produttori, trasportatori e trasformatori del latte, ai sensi dell’articolo 12 del decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali 31 luglio 2003 (Modalità di attuazione della legge 30 maggio 2003, n. 119, concernente il prelievo supplementare nel settore del latte e dei prodotti lattiero-caseari);

Industrie insalubri
il Comune svolge attività di istruttoria, controllo ed emissione dei decreti di classificazione di industria insalubre, ai sensi del D. Lgs. 3 giugno 2006, n. 152 previo parere dell’Azienda Sanitaria competente per territorio.

Rifiuti

Il Comune ha delegato, attraverso stipula di convenzione, il servizio al Consorzio della Comunità Collinare del Friuli. 

A partire dal 29 settembre 2008 saranno attuate nuove modalità di raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani e Assimilabili.

L’ecopiazzola comunale è aperta al pubblico nei seguenti giorni:

  • sabato 9.00-12.00 presso Campo Sportivo Mels

Guida alla differenziata