Italian

Ambiente e itinerari

Colloredo di Monte Albano si trova a una decina di chilometri a Nord di Udine, tra le colline moreniche del Friuli.

Il territorio fa parte della Comunità Collinare con Osoppo, Buja, Forgaria, Ragogna, S. Daniele, Majano, Treppo Grande, Cassacco, Moruzzo, Rive D’Arcano, Dignano, Flaibano, Coseano, S. Vito di Fagagna, Fagagna e comprende la parte centrale dell’anfiteatro morenico, esteso fra il monte Ragogna ( 512 m) e le colline di Tarcento.

La serie di alture e ampi solchi brevi o allungati che si alternano, definiscono il territorio che circonda Colloredo: dal castello si domina un paesaggio costituito da un’insieme dolcissimo di culminazioni e depressioni, risultato di processi che si sono prolungati per decine di migliaia di anni.

Dall’alto del maniero, lo sguardo corre per l’orizzonte, dal cerchio delle montagne incombenti, alla pianura che si estende a sud e, appoggiati sui dolci cuscini dell’anfiteatro, scopri ad uno a uno i castelli che fanno corona a Colloredo.

Paesaggio di grande fascino e suggestione, meta interessante per chiunque voglia godere le bellezze dell’ambiente e vivere momenti di tranquillità e di silenzio nella genuinità degli elementi naturali.

Un paesaggio quello di Colloredo da godere semplicemente per la pace che ispira ma anche da scoprire con i suoi interessanti dintorni.

L’itinerario consigliato tocca i luoghi di maggior interesse storico e culturale presenti a Colloredo. Da piazza Castello, sulla quale si affacciano l’imponente mole del castello (1) e l’elegante facciata della chiesa parrocchiale dei SS. Andrea e Mattia (2), si va verso il centro della località. Dopo qualche centinaio di metri, di fronte alla sede comunale ed al nuovo centro civico, si trova la trecentesca chiesetta di S.Pietro (3).

Lasciato il centro abitato e proseguendo verso Nord, su una collina a Laibacco si trova la ricostruita Chiesetta di S.Antonio da Padova (4). Proseguendo ancora verso Nord, dopo aver imboccato per un breve tratto la strada provinciale Osovana si giunge all’incrocio per Majano: a sinistra su un’altra collina si trova la nuova chiesetta di Aveacco; dopo un chilometro si arriva a Mels.

Al centro della località si può vedere la ricostruita e moderna chiesa di Ognissanti (5),con il prospiciente campanile e sul colle di fronte, la ricostruita Torre di Mels (6) con il suo belvedere panoramico. Dalla Piazza si torna verso Sud e, attraversando i borghi di Paradise ed Entesano, dove sorge un’interessante chiesetta in corso di restauro (7), si arriva a Caporiacco.

Nella piazza si trova la chiesa parrocchiale di S.Lorenzo (8) e poco più a Nord si possono vedere resti del castello medievale (9) e la chiesetta di San Martino (10). Dalla località si torna verso Est in direzione di Colloredo: dopo un chilometro sulle colline a sinistra, prima del borgo di Codugnella, si può ammirare la chiesetta dei Ss.Ilario e Taziano (11).

Proseguendo ancora si arriva all’abitato di Lauzzana, dove troviamo la Chiesetta di S.Rocco (12) e più avanti la nuova chiesa parrocchiale (13). Proseguendo si torna alla piazza da dove si è partiti.