Italiano

Sindaco

Sindaco: Ovan Luca
Eletto nel Maggio 2014

Orari di ricevimento:

Tutti i pomeriggi previo appuntamento allo 0432 889858

Saluto del Sindaco

Colloredo di Monte Albano, situato nel cuore del Friuli collinare è un Comune di poco meno di 2500 abitanti, diviso in tre frazioni, Colloredo, Mels e Caporiacco e costituisce, insieme ad altri quindici comuni, la Comunità Collinare.

Arricchito da antichi castelli, Colloredo di Monte Albano è un Comune relativamente piccolo ma ricco di panorami naturali.

Ha dato i natali allo scrittore Ermes di Colloredo ed è stato patria adottiva dell’illustre scrittore Ippolito Nievo che in questo luogo ha scritto gran parte del romanzo “Le confessioni di un italiano”.

Le origini del maniero di Colloredo di M. A. risalgono al XIII secolo, con la costruzione del castello concessa dal Patriarca di Aquileia.

Risalgono al XVI secolo le decorazioni di Giovanni da Udine per il famoso studiolo del castello, che costituisce senza dubbio uno dei più significativi momenti artistico decorativi del pittore.

Gli affreschi erano rappresentativi della tecnica della grottesca, con parti in pittura e altre a stucco, con figure zoo-antropomorfe e una fitta decorazione con numerosi minuti particolari. 

Sempre più ingrandito attraverso secoli, il castello subì una lenta sostituzione delle caratteristiche difensive con quelle più propriamente residenziali.

Gli ultimi rifacimenti di un certo rilievo datano alla fine del ‘700. L’aspetto del maniero, prima del terremoto, era quello di un sontuoso palazzo rinascimentale, parzialmente munito a difesa e provvisto di ingresso cui un tempo si accedeva per ponte levatoio.

L’impianto era costituito da un nucleo centrale, tre torri e due ali. Una triplice cinta di mura è ancora visibile. Il castello è attualmente in fase di ricostruzione dopo il sisma del 1976.

Poco distante sorge il castello di Caporiacco, la cui parte più antica risale al XI secolo anche se ne sono rimaste solo alcune contrafforti. È stato recuperato e in parte destinato a residenza privata. Anche la torre di Mels, detta “Torate”, ha quasi 1000 anni e testimonia di un antico castello arroccato su un colle. È stata restaurata dopo il terremoto del 1976 insieme alla vicina chiesetta di S. Andrea.

I siti storici e lo sfondo naturale offerto dalle splendide colline moreniche fanno di Colloredo la meta ideale per chiunque voglia godere delle bellezze rurali e vivere momenti di tranquillità e relax. Per gli amanti delle passeggiate e della buona cucina, Colloredo vi invita a visitare le aziende agricole e gli ottimi ristoranti della zona.

A godere del sole, dell’aria e della tranquillità nutrendovi con i prodotti tipici e con il vino dei suoi colli. La gente vi accoglierà con simpatia e con il tipico senso di ospitalità e discrezione che la caratterizza.

 

 

Un saluto dal sindaco Luca Ovan