Italiano

Nuovo incentivo a sostegno della natalità e del lavoro femminile

sabato, 28 aprile 2018

In data 6 marzo 2018 è stata promulgata la Legge Regionale n. 14 del 30.03.2018 (Disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili) il cui all’articolo 8 (commi da 14 a 21) disciplina il nuovo incentivo a sostegno della natalità e del lavoro femminile.

Questa nuova misura di supporto alle famiglie per incentivare la natalità e il lavoro femminile è un incentivo per le nascite e le adozioni di minori nati o adottati negli anni 2018 e 2019.

L'importo dell'incentivo è di Euro 1.200 euro annui per 3 anni e decorre dal mese di nascita o di adozione. Per i nati nel 2018 e 2019 dura fino al compimento dei 3 anni, per i minori adottati nello stesso periodo dura fino al terzo anno di adozione.

Hanno diritto all'incentivo chi è titolare di Carta famiglia e ha avuto o adottato uno o più figli a partire dal 1°gennaio 2018. Il nucleo familiare deve essere in possesso di ISEE minorenni pari o inferiore a 30.000 euro. Sia il richiedente che il figlio devono essere residenti in Friuli Venezia Giulia al momento della presentazione della domanda.

Per ottenere l’incentivo bisogna presentare domanda entro 90 giorni dalla nascita o dall'adozione, all’ufficio protocollo o ufficio amministrativo sociale del Comune. Per i BAMBINI NATI O ADOTTATI DAL 1° GENNAIO AL 4 APRILE 2018 la domanda va presentata ENTRO il 4 LUGLIO 2018.

La domanda va presentata una sola volta, ma per mantenere il diritto all'incentivo per le annualità successive è necessario rinnovare la Carta famiglia una prima volta entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda e una seconda volta entro 24 mesi dalla stessa data.

Per mantenere il diritto all'incentivo, il figlio per il quale è stato ottenuto l'incentivo stesso deve continuare a essere presente nel nucleo familiare (come definito ai fini ISEE dall'art. 3 del DPCM 159/2013) e bisogna essere in possesso, alla data del rinnovo di Carta famiglia, di ISEE minorenni (calcolato ai sensi dell'art. 7 del DPCM 159/2013).